Pensieri e Parole di una di una Mamma (bis) Principiante

lunedì 27 giugno 2016

WE LUNGO: MISSION (IM)POSSIBLE

E questo week end lungo è finito. Complice i ponte di San Giovanni a Torino abbiamo potuto usufruire del venerdì per sbrigare un po' di faccende.

Venerdì mattina presto sono andata dal parrucchiere (dopo 8 mesi dall'ultimo taglio) mentre mio Marito con i bimbi, dopo essersi riposati un po', ha portato le bici dei bimbi dal ciclista. In tarda mattina ci siamo incontrati alla Prealpina e abbiamo ricomprato la piscina (l'anno scorso si era bucata dopo 1 ora sul primo anello) e il necessario per fare il recinto dell'orto, con tanto di cancelletto.

Alle 13.15 bilancio di salute per Lele, durato 15 minuti scarsi e prescrizione per visita oculistica obbligatoria e fisiatra. Ha un po' i piedi piatti, ma secondo me rientrerà come per sua sorella, sono solo ciccini. Anche la pediatra mi ha detto la stessa cosa, però meglio un controllo per scrupolo.

Arrivati a casa abbiamo mangiato e nel pomeriggio ci siamo dati alla creazione del recinto, venuto benissimo. 

Sabato mattina abbiamo proseguito i lavori per la creazione dell'area piscina. I bimbi sarebbero dovuti andare dai miei la sera per permetterci di aiutare per il trasloco il soldato K, ma hanno piantato casino a si sono fatti portare prima di pranzo perchè hanno sentito che c'erano i cuginetti.

Mia mamma si è smazzata 4 mostri per due giorni, santa donna!


Nel pomeriggio, senza bambini e con un tempo un po' avverso che passava dal sole alla pioggia ogni 15 minuti, abbiamo terminato finalmente la parte della piscina, con tanto di sottofondo di sabbia, telo protettivo ancorato e piscina gonfiata (e coperta).
Il programma era di preparare pizza e focaccia per il giorno dopo, cenare e guardare un film godendoci il meritato riposo.

Ma la sfiga del soldato K in viaggio verso l'Italia con un camion carico di roba non ha avuto tregua. Fermato di nuovo alla dogana con l'Austria, per poter proseguire gli hanno fatto scaricare metà camion in un magazzino  e fatto perdere nmila ore. Oltre al fatto che lui aveva pure la febbre alta.

Sarebbe arrivato per le 3 di notte e ci siamo attivati per essere li all'arrivo.
Ho preparato e infornato le pizze alla velocità della luce, 5 teglie, che per le 2.30 erano pronte e impacchettate. Nel frattempo abbiamo caricato in macchina il frigo della taverna perchè lui aspetta che arrivi la cucina nuova, nella sua taverna ha dei fuochi per cucinare ma non il frigo.

Per fortuna, però, con l'autista hanno deciso di fermarsi un paio d'ore per strada a dormire perchè K era messo proprio male, così ci siamo ridati appuntamento per il mattino dopo all'alba.

Alle 6.00 eravamo operativi, con 2 ore di sonno alle spalle.
Tutti i convocati presenti all'appuntamento, ci siamo messi a scaricare.
Casa in collina, passaggio della roba da un cancelletto e poi su per il giardino pendente. 
Molto pendente.
Mi sono messa a scaricare anche io, ovviamente.

Mi sono presentata davanti al camion e l'autista tedesco - ribattezzato "Eric il vichingo" - mi ha dato una scatola che secondo me era pure vuota.

In inglese gli ho seccamente detto che non ero li per fare finta e che se mi avesse messo lui le scatole sulle spalle avrei potuto portare pesi come una formica sul finire anticipato dell'estate.

Ehi ragazzo, io faccio gli allenamenti di Jillian che farebbero morire metà, se non tutti, quelli che sono qui! 

E così abbiamo scaricato pacchi e pacchi per quasi tre ore.

Ad un certo punto credo mi abbia messo alla prova perchè mi ha caricato una scatola in cui ho pensato ci fosse un cadavere....

"Are you ok?"
"Yes, I am. And you...?"

E sono partita!

Ho creduto di morire... ma mio caro Eric, io di secondo nome faccio Diego, mi spezzo ma non mi piego e non ti do la soddisfazione di farmi vedere soccombere.

Insomma, ho lavorato quanto tutti gli altri.

Quando abbiamo finito mi sono lavata la faccia e ho smesso i panni dello scaricatore di porto per vestire quelli della signorina del brodo Knor.

Ho scartato la pizza fatta in casa, ho servito birra gelata (avevamo il frigo portatile con i siberini), abbiamo mangiato e ho fatto i caffè (ci eravamo portati la Nespresso da prestare a K).

Quando abbiamo finito di mangiare, ho preparato dei pacchetti per il viaggio di ritorno e abbiamo salutato, non prima di aver misurato di nuovo la febbre a K, di averlo bombato con il secondo ibuprofene e avergli dato un maglione perchè tremava.

Torneranno domani con il secondo carico recuperato in Austria.

Esticazzi!

Siamo tornati a casa verso le 12. Io sono stata morsa da quel cavolo di insetto che mi ha già sdraiata un paio di settimane fa e avevo la gamba dolorante e gonfia. Ho preso cortisone, messo pomatina ad hoc e ho dormito un po'. Nel pomeriggio eravamo di nuovo operativi e ci siamo messi a dipingere il cancelletto dell'orto, ma il temporale ci ha fatti smettere.

Sono andata a prendere i bimbi dai miei (che non volevano saperne di venire via) e dopo cena li ho docciati ben bene e messi a letto, stanchi e felici delle mille avventure passate con i cuginetti.

Io ho rassettato casa e mi sono rifatta lo smalto semi permanente che, dopo un week end del genere era in uno stato pietoso.
Di nuovo in versione accettabile è ricominciata la mia settimana lavorativa.

Stamattina ho messo una camicetta smanicata e mi sono resa conta che la spalla destra è completamente coperta di lividi.
Purtroppo a me vengono subito e le nmila scatole appoggiate hanno fatto abbastanza danno...

Però posso dire una cosa?

Mi sento bene! Tolto il fatto che i lavori del giardino procedono bene e che abbiamo dato una mano ad una persona che aveva bisogno, solo l'anno scorso non avrei avuto la forza di fare tutto questo, invece mi sono senta forte, pronta, attiva.

Mi sento come se avessi 20 anni, con la stessa energia e voglia di spaccare il mondo!

In questa settimana finiremo qualche lavoretto e il prossimo week end preparerò torta e cupcake che finiranno rigorosamente nel freezer (la torta è una torta gelato) evitandomi le nottate pre festa.

Inoltre, sempre questo week end, c'è una manifestazione nel nostro comune con musica dal vivo ed eventi per i bimbi, quindi non ci priveremo di qualche passeggiata.

Alla festa di Lele ci sarà anche il soldato K. con la famiglia. Ho già parlato con la moglie al telefono che mi ha ringraziata un milione di volte per l'aiuto e mi ha chiesto cosa può prendere a  Lele.
Le ho detto "I bambini! E' una festa per far giocare i bambini! Questo è il regalo più grande!"

I miei bimbi non vedono l'ora di conoscerli e io sono molto contenta di questa cosa perchè loro devono imparare l'italiano ma se i miei sentono un po' di inglese e francese male non fa...anche se sono certa che a loro le lingue non servano e si capiranno con il linguaggio dei bambini, sovranazionale.

Giovedì finisce l'asilo e mia mamma si è offerta di tenermi i bimbi venerdì, per non mandarli per un solo giorno al centro estivo. Inizieranno lunedì e non vedono l'ora! Ritroveranno i loro amichetti dell'anno scorso e ne conosceranno di nuovi per un'estate di giochi all'aperto e guance colorate.

Il week end dopo la festa di Lele abbiamo un battesimo, ma poi voglio riposarmi un po', godermi un po' di fresco e tutti i lavori che abbiamo fatto, in attesa delle vacanze. 

Oggi mi sono anche messa d'accordo con la mia amica per vederci al mare, verranno in giornata e ci siamo già accordate per fare la grigliata! 
Anche la mia Collegamica dovrebbe venire a trovarci con la bimba. 
Insomma, un po' di visite selezionate e tranquille per passare un po' di tempo rilassati con persone alla buona e senza rotture di c....o.

I like the "spartan way"! 







8 commenti:

  1. grande Giorgia! capisco bene la tua sensazione di invincibilità.....da quando ho ripreso ad allenarmi ho un'energia che spaccherei tutto! altro che 40 anni e non sentirli!!!!! E chi li ha 40? noi no di certo ahahaah

    RispondiElimina
    Risposte
    1. noi chi? forse ne facciamo 40 in due!!!

      Elimina
  2. Grandi!
    Avete fatto davvero un regalo enorme ad aiutare questo signore e sono sicura che sarà uno di quei legami che durano e arricchiscono la vita.
    Tu sei davvero un caterpillar..io invece in questo periodo mi sento risucchiata dai bambini e non riesco a trovare energia da dirottare su altro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io ho passato un periodo come il tuo qualche tempo fa. le pile si scaricano!

      Elimina
  3. no ma tu sei un portento pure la piscina con fondo di sabbia la voglio vedere ahahahah magari l'anno prossimo ...............riesco a realizzare il progetto pure io

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma niente di trascendentale eh! abbiamo aperto e steso una ventina di sacchi di sabbia in modo che il fondo sia morbido e non ci coccino la capoccia

      Elimina
    2. Veramente professionisti per i lavori a casa!
      Capisco la tua voglia di goderti la tua casa!
      Complimenti anche per l'aiuto concreto dato a K il fit bit sarà impazzito!!

      Elimina
  4. Ciaone io sarei in arretrato da sonno e sforzo che sverrei all'istante

    RispondiElimina

Lasciami un commento o una critica costruttiva.
Per i giudizi sterili, cambia blog