GiorgiaLand

Pensieri e Parole di una di una Mamma (bis) Principiante

martedì 18 luglio 2017

FORSE NON E' COSI DIFFICILE

Il week end è andato bene.

C'è stata la festa di Lele e nonostante ci fosse tantissimo da fare ci siamo divisi i compiti e tutto è andato benissimo.

Che poi mica pretendo  che lucidi le prese con il cotton fioc ma già il solo fatto che se li è presi e portati a lavare la macchina lasciandomi tranquilla a preparare per me è una manna!
Però effettivamente ha fatto tantissimo in questo week end, soprattutto senza sclerare e la cosa mi ha rasserenato non poco.

Infatti siamo stati entrambi sereni.

mercoledì 12 luglio 2017

VA COSI

E sono passati altri 10 giorni.
Giulia ha tolto il gesso ma ha un tutore. La frattura non era bella e ci vorrà ancora un po'...ma dovrebbe toranre a posto.
Intanto hanno cominciato il centro estivo e sono super felici di giocare all'aperto tutto il giorno.
Il dito di Lele è un lontano ricordo.

Io sto procedendo con le terapie ela caviglia va meglio. Il dolore è quasi sparito, è ancora rigida ma cammino molto meglio. Non metto ancora i tacchi e mi mancano un po'.

Ho ripreso a camminare e a fare ellittica. 
Come se non ci fosse un domani.
Sono uscita a camminare ogni week end, domenica mattina alle 6.40 ed è stata la prima volta al mattino.
Assolutamente da rifare! 
Anzi, vorrei uscire anche prima, era bellissimo.

lunedì 3 luglio 2017

SENZA NIENTE DA ASPETTARE

Se da un lato il corpo sta lentamente riprendendo le sue piene funzioni, di contro la mente viaggia per i cavoli suoi.
La tiroide va bene, gli esami sono buoni e c'è la possibilità che non debba prendere l'Eutirox per sempre. Dipende dal livelli dei miei anticorpi. Questo ha detto l'endocrinologo ma non ho indagato, vedremo a settembre...non ci capisco niente forse non ho nemmeno ascoltato del tutto.

Sono rientrata al lavoro e da un lato sono contenta di riprendere il mio tran tran, dall'altro vorrei cambiare attività.
Non sopporto più nessuno, mi rendo conto che sono io, ma tutti i discorsi mi sembrano vuoti, banali...
Ricordi i tempi prima dei bimbi, quando la carriera era il mio obiettivo e le attività che seguivo erano gratificanti e stimolanti, le persone con cui parlavo e interagivo di un certo livello, da cui c'era solo da imparare.

E ora...
Il deserto intellettivo.