Pensieri e Parole di una di una Mamma (bis) Principiante

giovedì 30 giugno 2016

IL DIARIO ALIMENTARE

Quando sono andata dalla nutrizionista, quella “furba” (dopo averne passate mille), la prima cosa che mi ha detto di fare è stata quella di tenere un diario alimentare. 

Subito ho pensato “ma sei scema? Mi dici cosa mangiare e poi me lo devo risegnare?”

Ma ho deciso di fare atto di fede perché davvero non sapevo più che pesci prendere per perdere peso.


E così ho iniziato a segnare tutto quello che mangiavo.

E in effetti mi sono resa conto che gli “sgarri” erano molto frequenti. A volte era un frutto (“la frutta fa bene!”), a volte un pezzo di pane in più per finire la pagnotta (“è pane integrale fa bene”).

Dopo due settimane di "tracciatura" del cibo mi sono resa conto che non avevo il controllo preciso di quanto mangiavo e come.
A volte mi sembrava di non aver mangiato nulla e l’idea era talmente forte che mi veniva fame di nuovo!
A volte mi sembrava di aver mangiato dietetico (la famosa insalatona con tonno e mozzarella rivelatasi una bomba calorica) e invece avevo ingurgitato un sacco di calorie.

Invece i “bocconcini” erano tanti e anche le calorie extra.
Quanto può essere dannoso un pezzetto, poi due, poi tre di formaggio...


Quindi ho imparato a mangiare a pasto e a non finire per forza le cose, perché non siamo una pattumiera. Ho imparato che i pezzetti di cibo assaggiati prima di mangiare o dopo perchè erano sulla tavola nemmeno li ricordo e che è meglio sedersi e godersi un buon piatto. E’ vero che sprecare il cibo è peccato, ma anche mangiarlo a forza facendoci del male lo è. E ho imparato che se faccio uno sgarro ne devo essere consapevole, godermelo e stop.

Ma devo saperlo consciamente.

E ho imparato che non tutto quello che fa “bene” si può mangiare a iosa o quello che sembra dietetico lo è davvero (la maledetta scritta light sui cibi...).

Con il tempo poi, e studiando tanto su alimentazione e affini, ho imparato a segnare i cibi per correggermi e mangiare correttamente non tanto in termini di quantità e calorie, ma in termini di varietà e composizione. E a dosare i condimenti.

Ho parlato un po’ di tempo fa del blocco del peso e di come si sia sbloccato semplicemente spostando un po’ la composizione degli alimenti sulle proteine.
Ma non perchè sia la regola generale, solo che in quel momento era giusta per me.

Certo, non siamo una scienza esatta e non siamo un 1+1 fa 2, ognuno di noi è diverso e risponde diversamente, però con un po’ di attenzione e accorgimenti si possono fare miracoli senza soffrire la fame e stando bene.

Io non voglio essere fissata sul cibo e sul peso. Voglio stare bene e mangiare bene, senza ansie e patemi. Perché siamo quello che mangiamo e vorrei fare il meglio che posso per evitare di prendere poi medicine tappacazzate. E voglio godermi di sgarri senza patemi, sapendo che sono degli una tantum e non la regola. Insomma, invecchiando gli acciacchi inevitabilmente ci saranno ma non vorrei dare una mano alla vecchiaia!

In questo periodo sono più attenta perché voglio perdere ancora questi benedetti 5 kg, ma di sicuro arrivata al peso forma non mi segnerò più tutto. Ormai sono abbastanza pratica e vedo che riesco a regolarmi abbastanza bene, però il diario alimentare mi è stato molto utile all’inizio per prendere le giuste misure.

Tra l'altro ci sono un sacco di siti e app che danno una grande mano nel calcolo delle calorie assunte, calcolo del fabbisogno calorico, calcolo dell'indice glicemico dei cibi, calcolo del metabolismo basale...quindi se si vuole fare attenzione ci sono tutti gli strumenti per farlo.

Quando sento quelli che dicono "non mangio niente e ingrasso" mi viene la tentazione di diventare una mosca e seguirli per segnare tutto quello che mangiano per 10 giorni....io ero la prima a sbagliare quindi "conosco il peccatore".

E se poi davvero è così...allora si ha la certezza che bisogna indagare da un'altra parte.

9 commenti:

  1. niente a me è rivenuta una gran fame e pensare al finocchio o al cetriolo che ho in borsa frigo mi provoca nausee, sto svaccando come pochi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io oggi pizza e yogurt perchè sono uscita per commissioni....mi tocca giro doppio di attività fisica!

      Elimina
  2. Io seguo una dieta da quasi due anni e oggi ho cambiato completamente il mio modo di mangiare... se penso al mio piatto ideale mi immagino un'orzo o un couscous con verdure miste e pezzetti di parmigiano, piuttosto che le tagliatelle col sugo di costine di maiale... credo sia questo che deve succedere ad ognuno di noi, capire gli sbagli e imparare veramente a mangiare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si e trovare la strada ottimale per ognuno!

      Elimina
    2. Qualcuna deve darmi una ricetta fast per il cous cous è diventata la mia nuova ossessione"

      Elimina
    3. il diario alimentare lo avevano consigliato anche a mio fratello soffre di forte emicrania e volevano vedere se poteva dipendere dall'alimentazione!
      Mangiare meglio fa bene a tutto e poi ti abitui e non è piu' un sacrificio!

      Elimina
    4. IO ho capito che non riuscivo a perdere peso perché mangiavo troppo poco. Ma sul serio. Il diario alimentare l'ho tenuto pure io, e con un'app giornaliera ho iniziato a segnare tutto. Non arrivavo a 1100 calorie. E sbagliavo fin dalla colazione, troppo scarsa ( e pensavo già di mangiare tanto) pranzo poco, cena poco e dopo cena LA VORAGINE! ho avuto tanta di quella fame...porca vacca! e poi ho scoperto che era tutto sbagliato, perché poi la volta che mi mangiavo una pizza assimilavo anche la scatola dell'asporto....altro che dimagrire. Comunque, adesso ho bilanciato meglio i pasti, all'inizio avevo paurissima di mangiare troppo, davvero tanto per i miei canoni, pensavo che sarei ingrassata altro che dimagrire. E invece con l'allenamento ho perso subito 1 kg in una settimana, poi un altro,,,,,adesso sono quasi stabile, ma in realtà per arrivare al mio "pesoforma" mi manca mezzo kilo quindi direi che ci sono quasi. Ho finalmente trovato un modo di mangiare che mi piace, non ho più fame finalmente e le forme dello specchio mi danno ragione. Che bello nona vere più fame!

      Elimina
  3. io ho sempre fame.. allattando la sete non la conto piu perche bevo come un cammello,ma soprattutto dopo che lei ha mangiato io HO FAME!!
    volevo andare da un nutrizionista, ma un'altra spesa ora come ora non la possiamo fare.. uff.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e una trentina di kili dovrei perderli sul serio- ma di questo passo,ciao

      Elimina

Lasciami un commento o una critica costruttiva.
Per i giudizi sterili, cambia blog