Pensieri e Parole di una di una Mamma (bis) Principiante

mercoledì 22 marzo 2017

LE ULTIME PAROLE FAMOSE

Venerdì 17 avevo scritto: " E' quasi passato non è successo niente".

I bimbi erano dai miei perchè c'era sciopero e io ho lavorato da casa fino alle 19.30.

Prima di andare a prendere i bimbi dopo cena volevo pulire almeno il piano sopra. C'era mio Marito già a casa e mi ha detto ti aiuto. Si dai, facciamo di corsa così facciamo più cose.

Lui inizia a passare l'aspirapolvere io a pulire il bagno. Mi sono appoggiata con la mano sinistra bagnata sulla porta e mi sono allungata per prendere il mop tra porta e doccia, con tutto il mio peso.
Mi è scivolata la mano e sono finita di zigomo contro lo spigolo.

Ho piantato un urlo che mio Marito ha sentito con l'aspirapolvere acceso.
Un dolore allucinante e un bel livido.

Ma io mi supero sempre.


Lunedì ero al lavoro, caffè dopo pranzo (il primo della giornata peraltro).
Ferma con il bicchiere in mano stavo parlando con la mia Collegamica. Ruoto di 30 gradi per posare il  caffè sulla mensola e mi parte il piede sul pavimento un po' bagnato di caffè asciugato male...

Storta.
Dolore.

Ho subito capito che non andava qualche cosa.
La mia Collegamica ha chiamato l'infermeria e sono arrivati due infermieri e il responsabile della sicurezza, mi hanno portato in infermeria in ambulanza ma poi il medico voleva farmi fare i raggi.
Avrebbero dovuto portarmi in ambulanza al primo ospedale vicino a noi a Torino ma poi sarei stata sola, con i miei lontani, i bimbi alla materna, Marito a Milano.

Credo di aver fatto la faccia da cucciolo ferito veramente bene perchè il responsabile della sicurezza mi ha fatta portare con l'auto di servizio con tanto di autista in divisa all'ospedale vicino ai miei.
Le facce di chi  mi ha vista arrivare in super macchinone con autista sono state impagabili!!! 

AHAHHAHHA

Mia mamma - che tra l'altro aveva la febbre alta - è venuta a prendere il PC in ospedale e poi sono andati a prendere i bimbi. Marito ha preso subito il treno che si è rotto a metà strada.... (no comment) ed è arrivato proprio nel momento delle dimissioni quasi alle 20.

Recuperata me, siamo andati dai miei, cena, poi recuperato mio fratello siamo andati a recuperare la mia auto in azienda e poi a casa. 
Sono andata anche io perchè avevo paura che la sorveglianza non li facesse passare e poi non sapevano dove fosse la mia auto.

Alle 23 entravo  nel letto. Distrutta.

I miei hanno tenuto i bimbi a dormire perchè avrebbero fatto troppo tardi e ieri hanno fatto un po' di vacanza. Mamma non stava bene infatti ieri pomeriggio me li hanno portati ed era cadaverica.

Ho collezionato una distorsione con stiramento dei legamenti alla caviglia che mi ero già rotta e ora sono a casa per minimo 10 giorni con benda rigida e poi si vedrà...

Già in PS ho iniziato con le telefonate.

Mi sono organizzata con la ragazza dell'Associazione e stamattina è passata a prendere i bimbi, me li riporta stasera dopo musica. Marito ha fatto la spesa ieri sera e ha preso cose facilmente preparabili.
Io ho la mia sediolina con le ruote (da usare in versione seduta e per appoggiare il ginocchio e avere due mani libere), stampelle e ginocchiere per usare due mezze gambe.

Venerdì dovrebbe venire una ragazza a pulire.
Viaggio a Medjugorje annullato.

Insomma, con un po' (tantissima) di fatica si gestisce tutto.

Che palle però.

Tra le note positive domenica i bimbi hanno fatto il torneo di volley e hanno vinto la medaglia e il premio per gli atleti più giovani.

Bene, ora cerco di prepararmi la colazione.

PS: ho appena riletto il post e ho lanciato i tempi verbali a caso...amen.


4 commenti:

  1. CHE LA FORTUNA SIA CIECA lo sapevo, ma che la sfiga ci veda benissimo e ti abbia notata....povera !
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  2. Aaaaarrrrrggghhhh..... che nervi mi spiace troppo per tutti i disagi e il viaggio

    RispondiElimina
  3. Acciderbolina! Un abbraccio..

    RispondiElimina
  4. Quando starai meglio organizza il viaggio a Lourdes, meglio andare sul sicuro ;)

    RispondiElimina

Lasciami un commento o una critica costruttiva.
Per i giudizi sterili, cambia blog