Pensieri e Parole di una di una Mamma (bis) Principiante

lunedì 31 agosto 2015

SI TORNA AL SOLITO TRAN TRAN (GLI ALTRI)

I bimbi hanno ripreso il centro estivo.
Mio Marito è tornato al lavoro.

Io sono qui. Bloccata sul divano.

Non riesco a fare niente.
Appena mi siedo mi fa davvero male. 
Stanotte non ho di nuovo dormito per il male. 
Vorrei capire perchè la notte è sempre peggio...

Quindi TV, piede alto e pazienza. 
In attesa del KINDLE....


Oggi sarei dovuta rientrare al lavoro. Con orario normale, senza partime.
Ero preoccupata del gestire tutto e alla fine sarebbe stato il problema minore....

Ieri sera, parlando con mio Marito, gli ho detto che alla fine uscendo entrambi alle 18, ma prendendo io i bimbi - ora che lui lavora a 5 km dalla mia sede - alla fine arriverà prima lui a casa! Quindi i bimbi hanno ragione: "Papà, hai imparato a cucinare. Quando la mamma sarà guarita cucini sempre tu?".

Anche perchè, arrivando a casa tutti i giorni entrambi alle 19 non c'è molto margine di manovra per fare diversamente....potrebbe essere un'idea per ottimizzare i tempi futuri.

Ieri sera abbiamo parlato un po'. Mi ha detto: "Davvero, non so come fai. Ho fatto il 30% di quello che fai tu. Non ho pulito, non ho stirato. La casa è disordinata. Ho solo cucinato e fatto qualche lavatrice. Ero in ferie, quindi non ho lavorato. E sono morto! I bimbi ci hanno lasciati pure dormire queste notti! E trovi pure la forza di fare dolci o di andare a Sambafit..."

ALLELUIA!!!

Guido Angeli nella nota pubblicità del mobilificio AIAZZONE diceva bene: "PROVARE PER CREDERE".

Mi ha detto: "Tu non puoi andare avanti così. Non mi rendevo conto al 100%".

Effettivamente anche il mio medico gliel'ha detto "Sua moglie non ha più la voce per la stanchezza cronica. Con un po' di riposo serio, la cosa andrà a posto!"

Se guardiamo il dato oggettivo, un uomo ha:

- due braccia, come le donne
- due gambe, come le donne
- un cervello, come le donne
- più forza fisica delle donne

A pari tipologia di lavoro/stipendio/stress/altre condizioni varie ed eventuali... le uniche due cose che impediscono ad un uomo di fare le stesse cose di una donna (e pure meglio, visto che sono più forti) sono il blocco di mentalità generazionale e/o la (conseguente) mancanza di volontà.

Per il resto, non ha altre attenuanti.

Un conto è se la donna lavora meno ore, arriva prima a casa, è a casa a fare la casalinga.
Ma a pari condizioni, non c'è proprio nessun motivo per cui la donna debba obbligatoriamente fare tutto.

Detto questo, a me non dispiace gestire la casa e sicuramente continuerò a farlo, ma mi sono resa conto che se non ci sono io non c'è nemmeno l'autonomia base. E questo non va proprio bene. Un conto è fare le cose per piacere e un conto è farle per necessità.

Molte cose cambieranno....

Non voglio che mio Marito si trovi all'età di mio padre senza sapersi stirare una camicia o saper dove prendere le mie mutande se sono in ospedale.... 

Non è uno stupido, non deve dipendere da nessuno. 
E in un futuro, dai figli.
Non va bene.
Per lui.



12 commenti:

  1. Ben detto! D'accordo su tutto...si tratta in primis di indipendenza per lui! Io vado in palestra alle 7 e lascio i figli spesso ancora dormienti con mio marito, torno e li trovo vestiti che hanno fatto colazione letto fatto e qualche volta anche salone ordinato! Magari non lava piatti o passa la scopa ma l'impegno lo mette...certamente poi quell'ora e mezza che sta via lui io faccio il doppio! Peró prima dei figli quando lavoravo era assolutamente tutto 50 e 50, tu devi rallentare e il tuo corpo ti manda segnali chiari da un bel po ormai, secondo me con un po di organizzazione sarete una grande squadra! Tuo marito la volontà ce la sta mettendo ed è gia un ottimo punto di partenza! Anche per i bimbi che faccia tutto tu a parità di ore lavorate non è proprio un esempio bellissimo...dai dai che non tutto il male viene per nuocere vedrai che dopo tutto sarà meglio di come è ora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma anche prima se dovevo assentarmi lui gestiva tutto benissimo: li lava, li veste, se deve preparare un pasto lo fa. Se necessario sparecchia, lava i piatti o fa lavastoviglie, fa lavatrice... Il problema è sul lungo periodo, ma non essendomi mai "assentata" non avevo toccato con mano il problema.....

      Elimina
  2. Se ci riesci voglio sapere tutto di come hai fatto!!!!!!!!!!!!Se capitasse a me al 100% mio marito chiamerebbe mia madre o una colf................non è così scontato che perchè si lavora in due fuori casa anche dentro sia così. Mio marito non fa nulla!!!!!!!!è stato cresciuto così per dire una volta ha preparato due patate al forno è per giorni lo ha ripetuto fino alla nausea!!!!!!!!e poi non comprende perchè io alla sera sono sfinita..................usa termini tipo "un colpo di panno" "un colpo di aspirapolvere........" termine da cui si capisce che proprio non arriva a capire il lavoro abnorme di gestire casa, + figli + cucina + lavoro!!!lui ha le sue pause sigaretta, pc telefono ecc .......................ogni tanto mi pento di non fumare!!!!ahhh so già che è una battaglia persa ..........................pertanto non lo ripeto più........................faccio tutto io compreso spesa e sono come dire rassegnata!!!!però dove arrivo metto un punto! ecco lui accompagna bimbi palestra ogni tanto mette fuori la spazzatura.......................ciao cara riprenditi!!!!!!!!kiss

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ho fatto? Mi sono rotta un piede....e non è una cosa temporanea. Non si tratta di volontà di farlo nonostante la febbre...non si tratta di farlo perchè alla fine sclero. Non POSSO farlo. E lui si è dato da fare.
      Perchè se per qualche giorno poteva gestire in "emergenza" per un paio di mesi deve per forza di cose fare lui. E non può chiamare la cavalleria perchè la cavalleria può dare una mano spot, ma per un lungo periodo tocca a lui.
      Sicuramente la sua volontà gioca tanto e sono davvero fiera, ma se non si fosse trovato "costretto" non lo avrebbe fatto!
      Comunque alla fine è colpa di come sono stati abituati...ma anche colpa nostra che alla fine per non vedere il delirio facciamo tutto, mentre loro hanno la capacità di fregarsene!

      Elimina
  3. Mi auguro che non sia un fuoco di paglia nel momento in cui ti sarai rimessa! Io donna di origini sicule sono abituata a fare quasi tutto io! Ogni tanto ci provo col Tato ma il mio fare meglio e prima per i miei canoni spesso mi fa desistere. ..ma continuo a provare e sicuramente tenterò anche col piccolo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come ho detto sopra, il problema è più nostro. Anche io sclero se le cose non son fatte come dico io e alla fine me le faccio...ma dobbiamo imparare ad accettare anche cose non fatte perfette.
      Anche perchè ci giocano su quello...e la frase "non lo faccio tanto come lo faccio io non va bene" io non la voglio più sentire. Certo non gestirà casa al 100%, credo che non lo vedrò mai stirare...però mi ha davvero stupita molto in questi giorni!

      Elimina
  4. Aggiungo anche uno spunto: quale messaggio passa ai bambini? Che la cura della casa e della famiglia spetta alla mamma, che è al di sotto del papà?
    Io faccio furiose litigate con chi (suocera in primis) si complimenta col mio fidanzato perché "mi aiuta", come se fosse una gentilezza eccezionale che mi fa e non il suo contributo alla SUA famiglia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si è vero, questo "ti aiuta" mi fa incazzare, soprattutto in questi giorni che pare sia diventato il Messia per qualcuno mentre fa la metà di cosa faccio io di solito. Insomma, casa e figli sono pure suoi quindi sicuramente non divideremo MAI le cose a metà ma un po' perchè non voglio io. Però ti dirò che molte cose cambieranno. Io ero arrivata allo stremo delle forze, senza sonno da anni. Ora anche i miei orari lavorativi cambiano quindi per forza di cose un po' devo mollare.
      Oppure smetto di fare di notte e farò nei week end, diluendo gli sforzi ma questo vorrà dire non andare più in giro.
      Hai ragione. I bimbi hanno preso questa cosa davvero bene. Giulia mi ha detto "ma sai che alla fine papà è capace di fare tante cose?" Anche ai loro occhi ha guadagnato punti!

      Elimina
  5. Tuo marito comunque è un grande... ti aiutava prima e riconosce i suoi torti adesso!
    Io sono la terza generazione di un'ascendenza femminile inetta in casa, forse per mancanza di maschi da servire (mio bisnonno e mio nonno morirono prematuramente, mio padre se ne andò quando avevo 10 anni), e tutte le cose di casa le ho imparate dal mio ex marito! Mia suocera era maniaca e glie l'ha trasmesso. Ora come casalinga non sono un granché, preferisco leggere e al diavolo tutto il resto, ma non riesco a trattenere l'irritazione quando il mio compagno cercando di fare la sua parte mi incasina tutto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla fine ho visto che quello che serve è un po' di compromesso su come sono fatte le cose e un po' di organizzazione. A volte vedo delle cose da fare e lui non le fa. Poi lo dico e mi dice "ma bastava dirlo". Mi sono resa conto che delle cose proprio non le vede, quindi non è cattiva volontà!
      Vedremo come va quando sarò guarita...

      Elimina
  6. Ciao come stai? Ti sei ripresa?

    RispondiElimina
  7. come va? aggiornaci.........................

    RispondiElimina

Lasciami un commento o una critica costruttiva.
Per i giudizi sterili, cambia blog