Pensieri e Parole di una di una Mamma (bis) Principiante

giovedì 11 febbraio 2016

ADDIO COMFORT ZONE

Io sono fatta così. 

Se c'è qualche cosa che non va sopporto un po', poi cerco di cambiarla. Non sempre ci riesco, ma sempre ci provo. 

Non sono una che si accontenta. È sempre stato così. Non sono una che si piange addosso perché le cose non vanno e non fa nulla per cambiarle.

È un po' che scalpito sul lavoro. Ho aggiornato il CV, gli ho fatto un bel restyling grafico e l'ho pulito un po'....

Ma ero consapevole di non poter cambiare azienda perché non potrei gestire i bambini.

Però non reggo più la situazione.

E il destino ci mette lo zampino.


Ieri alla macchinetta del caffè ho incontrato una mia collega di quando ero responsabile marketing di mercato. Abbiamo fatto due parole sul più e del meno poi mi dice "vado su da XXX perché devo valutare dei candidati per una posiziona in ambito web marketing"

Mi si è accesa la lampadina e d'istinto senza pensarci le ho detto, un po' seria e un po' ironica:"...se non trovi nessuno sai che io sono sempre aperta a nuove esperienze". 

Ma lei seria replica "potremmo parlarne!".

Sono tornata alla mia scrivania e dopo 32 secondi le ho scritto che prima non scherzavo e che mi piacerebbe capire meglio il tipo di lavoro, prima di candidarmi ufficialmente.

E le ho girato il cv.
Domani o lunedì ci parliamo.

Da quello che ho capito la posizione prevede la gestione dei progetti web marketing a livello europeo. Sono un po' spaventata per l'inglese. Quando lavoravo a Lione usavo inglese e francese quotidianamente, ma dopo essere rientrata sul mercato e dopo le gravidanze ho "perso" 7 anni di pratica.

Mio marito sostiene che tempo un mese sarò di nuovo in pista con la lingua.
L'idea mi stuzzica e poi se non lo uso per lavoro passo anche "ripassare" la grammatica ma non serve a niente.

L'inglese lo devi usare. Se lo studi solo non lo impari bene.

Resta il tema trasferte, da valutare.

Ma sarebbe il lavoro perfetto per me : marketing  informatica e analisi.

E chi mi ammazza?

Certo potrei stare tranquilla dove sono, ormai sono padrona del mito lavoro e me la canto e me la suono.
Cambiare vorrebbe dire stravolgere tutto, trottare, imparare.... Ma io non riesco a stare ferma.
Non si tratta di cambiare sede e fare lo stesso lavoro. Qui si tratta di reinventarsi da capo. Di nuovo.
Non mi piace sentire la parola "ormai...."

Non sono stupida, ho voglia di fare, voglio rinnovarmi. Non voglio sedermi e adagiare il culo nella tranquillità e nella quotidianità in attesa della pensione.

Voglio di nuovo sentire l'adrenalina del nuovo.

Se lato famiglia sono legata alla mia quotidianità e abitudini, dal lato professionale devo fare cose nuove.
Radici salde, ma rami al vento.

Non so come andrà, magari poi non mi piacciono i dettagli del lavoro o magari non sceglieranno me, ma io devo provarci! 


9 commenti:

  1. Sei una grande! Comunque vada, lo sei. Elda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahhahaha grazie! Però ancora nulla è concluso!

      Elimina
  2. Radici salde rami al vento...mi piace! In bocca al lupo! sei una forza ce la puoi fare sicuramente se il lavoro ti piace! Manu sloggata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente proverò e riproverò...e soffierò...e sbufferò finché la "casetta" andrà giù...come il lupo dei porcellini...e per quella di mattoni esiste sempre il demolitore!

      Elimina
  3. Io in questo sono l'opposto,l'idea del nuovo mi blocca, ma tu fai benissimo a provarci!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande! hai fatto benissimo a lanciare l'amo! I bambini crescono e le soluzioni si trovano ( se si vogliono trovare) ; non perché sei mamma e donna devi fermarti e fossilizzarti se senti che questo non fa per te. E le occasioni si colgono quando si propongono, se sono quelle giuste. Ovviamente nulla arriva mai per caso! quindi lo spirito è sicuramente quello giusto e se son rose fioriranno altrimenti arriverà sicuramente qualche altra cosa!

      Elimina
    2. @due ranocchi per casa: no ma che sia chiaro che io mi cago letteralmente sotto eh!!!!

      @Simona: ora speriamo di concludere qualche cosa!

      Elimina
  4. Chi come te ha la sfida nel sangue, di questa adrenalina non può farne a meno...come ti capisco!!!! Oh sì se ti capisco!!! Io e te messe in questo modo ci cacciamo sempre nei "guai" lo,sai vero?!?! ;-)))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh si brava! Ma senza "guai" sai che noia!!!

      Elimina

Lasciami un commento o una critica costruttiva.
Per i giudizi sterili, cambia blog