Pensieri e Parole di una di una Mamma (bis) Principiante

giovedì 8 marzo 2018

UN ANNO

L'altra sera ero un po' "carica" e non riuscivo a dormire...pensavo all'ultimo anno trascorso.

Avete presente nel film "Amélie" quando parte con il pippone in cui dice il giorno e cosa succede e fa tutta la cronistoria? Ecco....ho immaginato la stessa cosa.....

Il 10 marzo 2017 alle ore 13.30 fisso la data dell'intervento al lipoma per metà aprile. Facevo workout, la dieta procedeva e andava tutto bene, tutto tranquillo e un po' piatto. Il lavoro un po' meno, ma in linea generale tutto procedeva abbastanza tranquillo.

Il 20 marzo alle 11.30 scrivevo al chirurgo per spostare l'intervento a maggio perchè sarei dovuta andare a Medjugorie (il 25 aprile) e non mi fidavo con la convalescenza.....e alle 14.30 dello stesso giorno mi rompevo la caviglia....

....e da li è iniziata la discesa nel baratro....

I chili si sono accumulati.
Mangiavo come non ci fosse un domani, qualsiasi cosa e a qualsiasi ora.
E più mangiavo più avevo fame e voglia.

Ho cambiato capo che ero a casa in mutua.

Gabriele aveva avuto un periodo di "monellagine acuta" e anche all'asilo ci avevano detto questa cosa. Era poco gestibile e aveva nuovamente iniziato a balbettare. E mi sentivo inadeguata e incapace.

Mio Marito non c'era mai, preso dal lavoro.

Giulia si è rotta il braccio, Gabriele il dito del piede.

Il tornado ha portato via mezzo tetto...e una serie di altre cose che non sto a scrivere qui ma che mi hanno destabilizzata non poco.


Ripresa dall'intervento alla schiena, è iniziata la risalita.

Ho deciso che basta.

Basta vedersi grassa. 
Basta vedersi brutta.
Basta vedersi in un angolo.
Basta sentirsi denigrata.
Basta vedersi sciatta la sera quando mio Marito tornava in abito e camicia e io ero già con il tutone e i capelli legati.
Basta insoddisfazione sul lavoro.
Basta rinunciare sempre a tutto.
Basta fare sempre tutto perfetto fino alla sfinimento mettendo sempre me dopo tutto e tutti.

Basta tutto.

Quella Giorgia proprio non mi piaceva più.

Ho ricominciato con i workout: camminate, ellittica, home fitness. Poi pallavolo e bici. Ho ripreso un'alimentazione sana e varia (e anche qualche sgarro). Ho perso 11 kg da giugno e me ne mancano solo 3 per il peso che vorrei. Ma a livello fisico sto bene, mi vedo bene e mi sento bene.
Compro abiti taglia M, pantaloni taglia 42/44. Provo e stanno bene anche se sono ancora morbida. Ma l'insieme mi piace, è armonioso.

Mi piace la luce negli occhi, mi piace il sorriso.
Mi piace prendermi cura di me.

Ci sono stati non pochi scossoni, ho messo tutto e tutti in discussione...facendo un volo allucinante per trovarmi qui, un anno dopo completamente diversa. 

Le persone mi vedono diversa. In tanti mi hanno detto stai benissimo e non solo fisicamente.

Ho subito un intervento alla schiena e mi sono fermata per un po'. Ho ripreso attività leggera da qualche giorno, ma potrò riprendere a fine mese a fare tutto. 
La schiena è ancora un po' dolente, ma non sono caduta nel loop dell'altra volta.
Perchè è stato solo un breve stop. 

E voglio continuare con lo sport che mi ha davvero salvata dal baratro perchè è stata la molla e la benzina del cambiamento.

Ho ridisegnato confini e contorni della mia vita affettiva. Perchè certe dinamiche non andavano più bene e si siamo reinventati la nostra coppia. Siamo ancora in divenire ma siamo noi, più forti e coesi.

I bambini sono meravigliosi, crescono e sono intelligenti e vivaci. Sono la mia luce e la mia forza. La mia certezza.

Ho cominciato a guardarmi intorno per capire se e come potevo cambiare lavoro. Non so se sia stato il "pensiero positivo", ma due settimane fa il personale mi ha chiamato e mi ha proposto una posizione bellissima anche se molto sfidante.

Ho fatto il colloquio con il nuovo capo. Gli sono piaciuta tantissimo (detto da lui e detto dal personale dopo) quindi...cambio lavoro!
E con annesso aumento!

E allora, se guardo alla Giorgia di un anno fa, vedo una persona completamente diversa nel corpo e nello spirito, nella mente e nelle idee, profondamente cambiata, nel bene e nel male.

Tante cose restano da consolidare, tante cose restano da capire. Tante cose cambieranno ancora, ma mi sono presa quello che volevo perchè la vita è così breve che non si può rinunciare e bisogna vivere al 100% tutto quanto.

I cambiamenti avvengono. Se si lavora, se si investe, se si lotta, se non si molla, se quando si cade ci si rialza più incazzosi di prima.

Inizia la mia nuova avventura in giro per l'Europa, su nuovi progetti tutti da inventare e gestire. Hanno scelto me. Hanno scelto Giorgia. Non la mamma di. Non la moglie di. E non come seconda scelta.

Hanno scelto quella che sono diventata lavorando duro, nonostante la stanchezza, nonostante i problemi, nonostante tutto.

Ed è una grandissima gratificazione.

Sarà dura, dirò "chi me l'ha fatto fare" almeno mille volte, ma so che è la scelta giusta.

Perchè adesso tocca a me!







16 commenti:

  1. Wowwwwwwwwwwwwwwwwww bello leggerti di nuovo e bellissimo leggere queste tue parole. Forza e pronti via per la nuova avventura! Anche io mi sono messa molto in discussione e sto cercando di cambiare vecchi schemi e abitudini che non mi fanno stare bene ma non è per nulla facile e a volte mi verrebbe di ricadere nelle brutte abitudini...grazie quindi per le tue parole che magari senza nemmeno tu te ne accorga possono motivare e cambiare più persone. :-) Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero di si. E' stata una decisione meditata e sofferta ma abbiamo trovato un buon compromesso e così ho detto si. Non sarà facile ma ci riusciremo!!!

      Elimina
  2. Bene, se hai la fortuna di avere qualcuno che si smazza i tuoi figli mentre sei in Europa ed il marito è a Milano, fai bene. Occasioni così capitano una volta sola nella vita. Sabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non ho nessuno che si "smazza" i miei figli mentre noi siamo in giro...prima di sputare sentenze gratis bisognerebbe conoscere la situazione e non dare le cose per scontate.... Per laprecisione si parla di due trasferte al mese di due massimo tre giorni, pianificate. Giorni durante i quali mio marito lavorerà da casa perchè dopo un anno e mezzo gli riconoscono questa cosa. Un giorno alla settimana lavorerò da casa io....quindi direi che la situazione se vogliamo è anche migliore di un anno fa quando i padre lo vedevano praticamente il week end....

      Elimina
    2. wow che notiziona! sono certa che essendo la regina dell'incastro riuscirai a gestire il tutto magnificamente. E anche tuo marito riuscirà a "godersi" i bambini nel bene e nel male. Che bello avere nuove sfide da affrontare. Sicuramente non sarà facile (non lo è mai) ma sono certa che riceverai grandissime soddisfazioni, sei una professionista e finalmente hai di nuovo l'occasione per dimostrarlo. Avanti così

      Elimina
    3. lui è quello che mi ha spinta di più. E' stato lui a spingere perchè accettassi nonostante le implicazioni per lui. Sa cosa ho passato e la fatica che ho fatto. Sarà durissima e bellissimo insieme!

      Elimina
  3. Tanto di cappello! mi dispiaceva leggerti frustrata al lavoro e sono contenta che svolti. Anch'io mi sono detta "ma coi bambini come fanno?". Santo subito chi ha inventato il telelavoro!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà per loro sarà anche meglio perchè staranno sia con me che con il papà e con il telelavoro li prenderemo anche prima dal post scuola rispetto ad adesso per ben 3 giorni a settimana. Per loro in realtà è un vantaggio per noi sarà un incastro unico ma abbiamo gestito tutto fino ad ora e lo faremo anche adesso. Cambieranno gli equilibri, sarà più faticoso ma sicuramente più gratificante! Sono davvero soddisfatta, anche se molto spaventata

      Elimina
  4. Che bellissimo post! Brava! !!!! Devi essere fiera di te! !!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie!!! sono anche molto spaventata e sarà durissima ma sono pronta e carica!

      Elimina
  5. Bravissima Giorgia! Sono contenta per te! Anna

    RispondiElimina
  6. Che bello leggere questo post e te lo meriti perché fai tanto, dai tanto e quindi ti meriti tanto!! Un abbraccio grande grande

    RispondiElimina
  7. Giorgia non sparire!
    Petra

    RispondiElimina
  8. GIORGIAAAAA che fine hai fatto??

    RispondiElimina
  9. Ciao Giorgia, chissà come stai... fatti viva ogni tanto!

    RispondiElimina

Lasciami un commento o una critica costruttiva.
Per i giudizi sterili, cambia blog