Pensieri e Parole di una di una Mamma (bis) Principiante

mercoledì 31 agosto 2016

VADO A VIVERE DA SOLO

Poi ci sono quelli che vanno a vivere da soli.

Lodevole.

Ma come?

Ho assistito alle scene più assurde, soprattutto per i figli maschi che lasciano il nido.

Ragazzi che vanno a vivere "da soli" nella mansarda di casa e scendono per i pasti, con mamma che va a pulire e fa le lavatrici...quindi per me quella è una cameretta in mansarda!

Anche perchè le bollette di casa chi le paga?

Ho visto ragazzi andare a vivere in un appartamento così vicino ai genitori che praticamente era una cameretta con particella catastale diversa. Con le modalità di cui sopra: pulizie/stiro/pasti a cura di mammà e magari solo le bollette e l'affitto a carico del pargolo (nemmeno sempre perchè c'era anche la paghetta).

Poi magari l'appartamento è un filino più distante, ma le dinamiche non cambiano.

Ora...se sei studente fuori sede ci può stare che le spese siano a carico dei genitori. Ma tolto questo, se vivi da solo ti devi arrangiare! Non esiste che mamma venga a farti le pulizie. Non esiste che porti i panni da lavare a casa tipo lavanderia. Non esiste che ti facciano la spesa o che tutti i pasti siano consumati a casa dei genitori!

Quello non è vivere soli, quello è dormire da un'altra parte!

Ho visto anche coppie con questa dinamica, tipo fidanzati che vanno a vivere insieme o si sposano e poi le  mamme puliscono a turno, sfamano e lavano i nubendi!

Se vuoi gli "onori" del viver da solo allora ti devi sobbarcare anche gli oneri!

Io, appena ho iniziato a lavorare, mi sono pagata le mie spese: assicurazione dell'auto, dentista, rata dell'università (perchè ho iniziato a lavorare prima di laurearmi e vivevo dai miei). 

Quando mi sono trasferita per studio a Milano mi sono pagata tutto, anche vitto e alloggio pur non lavorando grazie ad un prestito d'onore per studio che ho restituito da sola e di sicuro non portavo a casa il bucato (giusto il tempo di comprare la lavatrice).

Poi sono andata a convivere e di certo mia mamma non è mai venuta a farmi le pulizie o mi ha stirato le cose. Mi ha insegnato a fare tutto e due braccia forti le ho da sola.

Mani e braccia le hanno anche i ragazzi, anche molto forti, ma sembra che le mamme di oggi non se ne accorgano e tendano a proteggere i figli maschi (ma pure le femmine eh)  da questo mostro che è la gestione di casa, quasi che se puliscono un bagno o toccano un ferro da stiro gli si avvizzisca il pisello.

No, care mamme, non succede.

Possono pulire e stirare anche i figli maschi e se non glielo insegnate consegnate nelle mani delle povere compagne dei nullafacenti!

Credo che la colpa sia anche un po' dei genitori...perchè cara mamma, secondo me, con tutto il "dispiacere" di un figlio che va via di casa, dovresti essere orgogliosa di avergli insegnato a sopravvivere decentemente. E se ancora non ha imparato, beh è proprio ora che si tiri su le maniche... perchè se e quando non ci sarai più tu chi lo farà?

Se il pargolo è fortunato ha una moglie che spignatta (e non è giusto), ma se pure la pargoletta è di quelle che cipensalamammapertutto come fa il tuo pupillo?

Insomma, io insegnerò ad entrambi i miei figli a cavarsela in casa. Insegnerò ad entrambi che in casa si da una mano a pari livello e non ci sono cose "da uomini" e cose "da donne". Certo, magari per indole il cambio d'olio della macchina lo fa Lui e la torta alle mele Lei. 

Ma mica è scritto nella pietra? Io l'olio alla macchina me lo cambiavo da sola...per dire. E non capita nulla se ci si divide i compiti in modo socialmente meno "normale".

E se esci di casa è ora di cavartela. Se hai bisogno ti aiuto, ma di certo non ti mantengo! Nella necessità ci sono, ma non sono la tua colf.

E questo non è perchè ti voglio male, ma perchè ti voglio troppo bene!




22 commenti:

  1. Io concordo su tutto parola x parola! Ne vedo tanti e ne ho visto tanti...allucinante...conosco poi 2persone che hanno avuto figli non programmati diciamo cosi..nessuna delle 2 ha voluto abortire ma anzi dicevano c penso io faccio da sola se il papà nn mi aiuta..nasce la figlia entrambe vengono lasciate dai compagni e..mi sono sbagliata essere mamma è troppo stressante mamma pensaci tu ahahah! L'altra mattina mi sono alzata alle 6..alle 9 avevo gia gestito mille capricci (i figli svegli dalle7) e pulito TUTTA CASA e m stavo preparando x giocare con loro. Mi chiama mia cognata..mia mamma nn ce e in vacanza e mi dice t posso portare la bimba? Devo pulire ma con lei è impossibile nn riesco. Come?? E io allora che sono wonder woman???? Che ne ho 2? L'ho fatta venire xk si sentiva mia nipote che chiedeva d me e Carlo e Sara e posso andare?? E se 1giorno nn viene quello dopo m dice xk nn mi hai fatto venire e mi manchi..e io mi sciolgo! Ma a una persona del generenche gli dici?? Su mio fratello ormai ho perso le parole..lui è stanco lavora poi palestra e poi vuoi che nn esca un po???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh certo che senza i bimbi ci metti un quarto del tempo ma ci riesco io con due lavorando! Certo è faticoso e a volte snervante perchè devi interrompere mille volte ma si fa! Certo che se sei abituata che tutti ti fanno tutto ti sembra una cosa infattibile!

      Elimina
  2. La figlia della mia collega vive sola...nella casa dei suoi al mare, la madre le porta la spesa, le cotolette già panate, le parmigiane da congelare, paga le bollette e una volta a settimana le pulisce tutta casa...e lei, 23 anni, fa baldoria tutte le sere e si riempie la bocca con i: io vivo sola da 2 anni... anche io a 23 anni vivevo con quello che oggi è mio marito, ma mi smazzavo 2 lavori,la casa e tutti i debiti di un'attività appena aperta da mio marito...

    RispondiElimina
  3. La figlia della mia collega vive sola...nella casa dei suoi al mare, la madre le porta la spesa, le cotolette già panate, le parmigiane da congelare, paga le bollette e una volta a settimana le pulisce tutta casa...e lei, 23 anni, fa baldoria tutte le sere e si riempie la bocca con i: io vivo sola da 2 anni... anche io a 23 anni vivevo con quello che oggi è mio marito, ma mi smazzavo 2 lavori,la casa e tutti i debiti di un'attività appena aperta da mio marito...

    RispondiElimina
  4. Potrei scrivere un libro al riguardo
    Nia

    RispondiElimina
  5. Io sono uscita di casa a 19 anni per l'università.. Abbiamo preso casa in 4 compagni di liceo (2 maschi e 2 femmine) ed eravamo talmente abbandonati che nessun genitore è venuto ad aiutarci a dare la prima pulita della casa e mettere a posto ahahah!
    Certo economicamente non eravamo indipendenti ma tutti lavoricchiavamo per pagarci almeno qualcosa e il massimo accudimento materno era una nonna che la domenica prima di partire dava al nipote un po' di sughi fatti da lei (per tutti). Confronto ad altri studenti fuori sede potevamo essere orfani! Lo dico ridendo perché in realtà le nostre famiglie sono sempre state presenti e forti alle nostre spalle ma ci hanno fatto crescere molto in questo modo e credo fosse perché erano sicuri che eravamo in grado di gestirla.
    Nei casi di figli che vivono da soli ma con supporto economico e logistico di mamma io do' tutta la colpa ai genitori che non vogliono/possono/credono lasciarli andare

    RispondiElimina
    Risposte

    1. concordo in tutto e per tutto!!
      Io sono uscita di casa relativamente tardi 30 anni e con mia zia e mia nonna in casa sapevo fare quasi tutto tranne lavatrice e stiraggio guai se mi avvicinavo a quegli elettrodomestici!!
      Quindi ancora ho qualche problema con la lavatrice, ma ho la capacità di sciupare solo la roba del Tato e stiro poco...Per la roba del Tato( le camice e i completi) ci ha sempre voluto pensare mia nonna fissatissima con lavatrici e stiraggio impeccabile, poi figurati per lei il fatto che Ale sia avvocato...Ora che non c'è piu' alle camice ci pensa mia mamma se dovessi pensarci io farei qualche tentativo senza timore poi se proprio dovessi ricomprargliele tutte c'è sempre la lavanderia!!
      Ma per il resto pensiamo e abbiamo pensato a tutto noi!!

      Elimina
    2. @ilmondorotola: io sono uscita tardi, avevo 26 anni...ma dall'età di 7 ho sempre aiutato mia mamma a fare le pulizie in casa! Quindi sapevo fare tutto, anche cucinare. Poi con il tempo impari!
      @Manu: io ero negata con le camicie...e ora le stiro in 3 minuti! Allenamento :-) POi ogni tanto qualche cavolata in lavaggio la faccio ma più per la fretta e la stanchezza

      Elimina
  6. Che te devo dì.. io ne ho uno in casa, ma devo ammettere che di miglioramenti ne ha fatti..
    Brutto da dire ma sono le mamme a dare l'imprinting ai figli, se li abitui che gli uomini a casa non toccano nulla perché è prerogativa della donna, cresceranno despoti e non aiuteranno a casa nemmeno a morire d'un colpo. Io mi sono sentita dire "eh ma sei tu che non ti sei fatta sentire da subito, adesso lo hai abituato così.." no cara mia, il problema è stato come lo hai cresciuto tu..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io ne ho uno in casa...e ogni volta smadonno...ma ormai non si cambiano più di tanto. Proprio per questo voglio che mio figlio impari a fare tutto da subito, perchè non gli cade il pisellino se fa le cose in casa!

      Elimina
  7. Io sono in linea di massima d'accordo con te, solo un po' più flessibile sugli aiuti da parte dei genitori.
    Tipo mia madre mi lava e stira la biancheria da letto, sempre, ma perchè lei ha la lavatrice enorme, un bel balcone dove stendere tutto al sole, quindi è molto più semplice, e non le pesa, lo fa volentieri perchè sa che mi alleggerisce la fatica.
    Se lei o mia suocera cucinano qualcosa di particolare magari me la mandano da congelare (ma devo dire che succede anche il contrario, cioè se io faccio una torta un bel pezzo la porto a loro. Se sono al supermercato le chiedo se le serve qualcosa e glielo porto).
    Economicamente, mi paga la piscina per mio figlio: le fa piacere perchè sa che se dovessi fare tutto da sola potrei offrire ai bambini 1 attività extra per uno, invece lei "integra" con la seconda, fortunatamente economicamente non le pesa troppo.
    Però ovviamente sa benissimo che io mi venderei casa pur di aiutarla se mai avesse bisogno.

    Insomma, ognuno ha la sua casa, la sua indipendenza, ma si collabora, in fondo rimani una famiglia anche se vai a vivere da solo no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, ma aspetta. Sui piattini delle mamme ogni tanto concordo! Quello che dico io non sono le cose fatte "per piacere" o "coccola" ma sull'aiuto dovuto e sistematico, quello che se non c'è va tutto a rotoli! Mia mamma mi da il minestrone fatto con le verdure dell'orto o il brodo, mi da la verdura dell'orto...ma perchè fa piacere a lei. Se non me le desse, io saprei fare il minestrone o il brodo, ho il mio orticello. Intendevo quello! A volte capita che sono io a portare tipo la pizza o l'arrosto...per dire. Infatti quello che dicevo è un conto è aiutare e un conto è mantenere!!!

      Elimina
    2. Certo, se vai a vivere da solo devi essere in grado di fare tutto da solo e mantenerti completamente. Poi se i genitori vogliono, e se ce la fanno, possono aiutarti, ma non deve essere un obbligo.
      Io già mi sento in colpa a lasciargli tanto i bambini, ma purtroppo non posso fare altrimenti perchè con il lavoro non riesco ad andarli a prendere a scuola (so che mi capisci). E infatti quest'anno sto seriamente valutando di prendere una ragazza che possa aiutarla quando li deve andare a prendere lei, così stanno con la nonna, che è di famiglia, ma le fatiche le faccio fare a qualcun altro!

      Elimina
    3. brava, hai colpito nel segno!

      Elimina
  8. Io ho aiuto da parte di mamma che quando e da me mi stira la roba, mia suocera mi da ogni tanto pietanze entrambi mi tengono i bambini..........ma cmq ho tre figli e lavoro tutto il giorno nn pretendo nulla assolutamente ma nn rifiuto l'aiuto, cmq credo che il post si riferisca ai single che vanno a vivere da soli ma senza assumersi responsabilità. Un mio parente vorrebbe vivere da solo (sotto casa di sua mamma) e da per scontato che la madre pulisca, (mi basterebbe una volta a settimana!!) cucini (che fa un piatto nn me lo fai in fondo sono sempre tuo figlio), ecc ecc (le bollette mi attacco ai contatori!) insomma l'aiuto di un genitore per figli e nipoti e anche fisiologico (mia madre compra mutande e calze per tutti e tre spesso ad esempio!) campare sulle spalle dei genitori mascherandosi dietro un (VIVO DA SOLO) quella e un altra storia............

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si brava mi riferivo a quello!
      Se c'è un aiuto ben venga, ci mancherebbe! Ma un aiuto è diverso da farsi fare tutto e magari pure pretenderlo!

      Elimina
    2. Ah, sull'abbigliamento per i nipoti è un discorso a parte! E chi la ferma mia madre e mia suocera dallo shopping compulsivo per i bambini? Ma quello è qualcosa che fa piacere a loro, ovvio, per me sono cambi in più, quindi ben vengano, ma in primis è una cosa che vogliono fare loro!

      Elimina
    3. esatto, deve essere un piacere. Certo anche le mamme che vanno a pulire e accudiscono i figli a distanza avranno piacere...ma bisogna mettere un segno tra il piacere e l'eccesso di zelo...che fa solo danno!

      Mio figlio ha 360 mesi... (30 anni)

      Elimina
  9. Concordo su tutto! Non so se hai mai visto l'ultimo film di Zalone. La mamma di lui è lo specchio di tante mamme odierne. È sacrosanto che i figli escano di casa e che sappiano passare uno straccio per lavare e essere in grado di preparasi un piatto di pasta senza vivere di surgelati.
    Chiara

    RispondiElimina
  10. Avevo commentato qualche giorno fa ma il commento non c'è!!! Non è che è finito in spam?...comunque il succo era che qui da me e' mio marito che li coccola oltre modo, o meglio coccola il maschio che tra l'altro è pure il più grande facendo tante cose al posto suo mentre io urlo per tutta casa incazzata a manetta!!!

    RispondiElimina
  11. Io mi sono pagata l'università (e relative spese personali di quel periodo) da sola e poi mi sono pagata anche affitto e tutti gli annessi e connessi (oltre all'università) quando sono diventata studentessa fuori sede.
    Dopo dieci anni che vivo lontana dai miei, però, mi piacerebbe vivere vicino a loro; sarebbe bellissimo in pausa pranzo o prima di rientrare a casa dal lavoro, andare dai miei, chiacchierare con mamma, pranzare con loro e via dicendo. E non perchè voglio essere servita e riverita, ma a me -sarà che non posso farlo quando voglio- piace stare con i miei genitori e se non vivessimo lontani 1000 km sfrutterei volentieri qualsiasi occasione ;)

    RispondiElimina

Lasciami un commento o una critica costruttiva.
Per i giudizi sterili, cambia blog